Caffè e antibiotico

4 Segreti per riconoscere un buon caffè
6 ottobre 2017
Caffè greco
27 ottobre 2017

L’assunzione di caffeina, in concomitanza con alcuni farmaci ed antibiotici ,può provocare degli effetti collaterali anche piuttosto gravi

La caffeina, se assunta in concomitanza con dei farmaci o antibiotici, potrebbe in alcuni casi provocare effetti collaterali o alterarne l’efficacia. Per questo motivo è opportuno limitare, se non eliminare del tutto, il consumo di caffeina quando si sta seguendo una particolare cura.

Gli effetti collaterali della caffeina con i farmaci

Se state prendendo farmaci per l’insonnia, è bene non consumare caffeina, che blocca gli effetti sedativi del farmaco e di conseguenza può impedire di dormire. La caffeina rischia inoltre di provocare tachicardia, nervosismo e tremori in quei soggetti in terapia con aminofillina, con i broncodilatatori teofillina o altre xantine correlati. Nei soggetti che assumono farmaci in psichiatria, come ad esempio l’antipsicotico clozapina, la caffeina aumenta il rischio di effetti collaterali e riduce i livelli plasmatici di litio.

Caffè e antibiotico vanno d’accordo? Decisamente no. L’assunzione di determinati antibiotici, come levofloxacina, norfloxacina, enoxacina, ciprofloxaxcina e grepafloxacina rischia di aumentare la presenza di caffeina nell’organismo, che a sua volta può provocare vomito, nausea, nervosismo e nei casi più gravi tachicardia, convulsioni e ansia.

La caffeina non va d’accordo neanche con gli inibitori delle MAO, poiché stimola eccessivamente il sistema simpatico col rischio di grave ipertensione o aritmie cardiache. Per i soggetti sottoposti a cura con anticoagulanti, la caffeina esercita un’azione antiaggregante che aumenta il rischio di sanguinamenti.

La caffeina rischia di inibire l’effetto dei farmaci utilizzati per contrastare l’incontinenza urinaria, e se associata con FANS, può anche aumentare il loro effetto gastrolesivo. L’assunzione di contraccettivi orali con caffè può anche aumentare i livelli serici di caffeina. È opportuno ricordare che la caffeina, oltre che nel caffè, è presente anche in altre bevande, come quelle gassate, gli energy drinks e il tè, così come in alcuni integratori alimentari a base di mate, guaranà e cola. Consultate sempre preventivamente il vostro medico se state seguendo una particolare cura a base di antibiotici o di farmaci, per conoscere la dieta da seguire e le controindicazioni dell’assunzione del caffè.

Lascia un commento
Italiano